SPECTRE – 007 uscito lo scorso 5 novembre in tutte le sale cinematografiche italiane “Spectre” e il 24esimo film della saga dedicata all’agente segreto creato da Ian Fleming.

E’ anche il quarto che vede l’attore britannico Daniel Craig nei panni dell’agente 007.

La sceneggiatura del film, il secondo che vede come regista Sam Mendes, è di Neal Purvis, John Logan, Robert Wade e Jez Butterworth.007-Spectre
Come tutti i precedenti film della saga di James Bond, anche “Spectre” è un condensato di azione, thriller, avventura e spionaggio ed è stato prodotto da Barbara Broccoli e Michael G.Wilson per la Metro-Goldwin-Mayer, distribuito in Italia dalla Warner Bros Pictures.

Le musiche di “Spectre” sono di Thomas Newman, ed il tema musicale del film, Writing’s on the Wall, è di Sam Smith. Gli altri interpreti del film, oltre a Daniel Craig sono Christoph Waltz, Ralph Fiennes, Léa Seydoux, Ban Whishaw, Dave Bautista, Naomie Harris, Monica Bellucci, Andrew Scott, Rory Kinnear, Jesper Christensen, Peppe Lanzetta, Alessandro Cremona, Judi Dench e Stephanie Sigman.

La vicenda prende l’avvio dall’uccisione di Marco Sciarra da parte di 007. James Bond aveva ricevuto un messaggio postumo del precedente “M”, e seguendone le indicazioni si era recato a Città del Messico proprio per uccidere Sciarra, uno dei membri più in vista di una organizzazione criminale che stava preparando un attentato. Dopo averlo ucciso Bond ne prende l’anello e fa ritorno a Londra, dove trova il nuovo “M”, che lo sospende dal servizio in quanto la sua azione contro Sciarra non era stata autorizzata, ed ha creato un incidente diplomatico. In seguito “M” incontra “C”, che è a capo dei servizi segreti “Congiunti”, il quale gli parla della sua volontà di raggruppare insieme i vari servizi segreti degli stati del mondo, mettendo così insieme tutte le conoscenze e nello stesso tempo mettere fine al programma “doppio zero”, che è ritenuto ormai antiquato.

Per far questo “C” deve far approvare un nuovo programma, dal nome in codice “Nove Occhi”, ma non riesce mai ad ottenere l’unanimità dei voti necessaria per la sua approvazione. M non è convinto di quanto gli viene proposto ritenendo che possa essere paragonato, in maniera ironica al “Grande Fratello” di Orwell.

Nel frattempo James Bond continua ad agire seguendo ancora seguendo le istruzioni dell’ex “M” e si reca a Roma. Nella capitale italiana si tengono infatti le esequie di Sciarra e Bond approfitta dell’occasione per entrare in contatto con la sua vedova, Lucia. Bond la seduce e riesce ad infiltrarsi durante la riunione dell’organizzazione di Sciarra. 007 viene però scoperto da Franz Oberhauser, capo dell’organizzazione, che aveva già avuto a che fare con Bond in passato. Bond riesce a fuggire, non prima di aver capito che l’organizzazione della quale faceva parte Sciarra è collegata ad alcuni attentati avvenuti negli ultimi tempi, ed inoltre è implicata in traffici illegali. Sapendo che l’organizzazione cerca di eliminare un uomo, Bond lo cerca, contando sull’aiuto di Eve Moneypenny.

Scoperto che l’uomo in pericolo è Mister White, un suo antico nemico, Bond lo rintraccia in un rifugio sulle alpi austriache ma lo trova morente, avvelenato dal tallio. Prima di morire White propone uno scambio a Bond, che in cambio della protezione per sua figlia, Madeleine Swann, sarà condotto da quest’ultima a L’Americain, un personaggio che potrebbe condurlo molto vicino ad Oberhauser. Dopo aver accettato lo scambio, Bond si reca alla clinica in cui lavora Madeleine e poi viene raggiunto anche dal capo della sezione “Q”, al quale consegna l’anello sottratto a Sciarra per permettere di esaminarlo.

Bon salva Madeleine da alcuni scagnozzi di Oberhauser, poi “Q” gli comunica che il nome dell’organizzazione è SPECTRE, ed al suo interno si trovavano altri vecchi nemici di 007 come lo stesso Mr. White, Le Chiffre, Raul Silva e Dominic Greene, tutti referenti di Franz Oberhauser, che però, secondo i dati ufficiali, risulta essere rimasto vittima 20 anni prima di una valanga mentre si trovava in compagnia del padre. Un attentato organizzato dalla SPECTRE viene portato a termine a Città del Capo, ed a seguito di questo fatto anche il Sudafrica aderisce a “Nove Occhi”, che ottiene dunque l’approvazione all’unanimità. Madeleine Swann e James Bond si spostano in Marocco, a Tangeri, ed in una stanza d’albergo nella quel alloggiava in precedenza il padre di Madeleine, trovano una mappa che li porta nel deserto, dove un autista li conduce alla base della “SPECTRE”, che si trova in un cratere nel deserto formato dalla caduta di un meteorite. Bond scopre che l’attentato è stato programmato apposta da Oberhauser, in combutta con C, proprio per far approvare il programma “Nove Occhi”.

Bond e Madeleine vengono imprigionati e scoprono che Oberhauser è figlio dell’uomo che fu il padre adottivo di Bond, quando l’agente segreto rimase orfano da piccolo. Per gelosia verso James Bond, Oberhauser uccise il padre e, dopo aver finto la sua morte, prese il nome di Ernst Stavro Blofeld, ed entrò nel mondo del crimine, con l’obiettivo di far soffrire l’agente segreto. Bond scopre che molti dei suoi guai passati sono riconducibili proprio alle azioni della Spectre e Blofed vuole anche praticargli una “lobotomia”, che gli impedirebbe di riconoscere le persone alle quali vuole bene ed i suoi conoscenti. Bond si libera utilizzando un orologio bomba e fugge insieme a Madeleine. Una volta tornato a Londra, deve fare di tutto insieme con Bill Tanner e Moneypenny per impedire che sia lanciato il programma “Nove Occhi”, perché determinerebbe il potere della Spectre su tutte le organizzazioni. Gli agenti inglesi peentrano nella sede di “C” e nel frattempo Bond viene catturato e portato da Blofeld che è rimasto vivo, seppure sfigurato dall’esplosione dell’orologio bomba. Mentre Bond riesce ancora una volta a salvare Madeleine, anche lei presa in trappola, “C” viene ucciso nella lotta contro “M”, e “Q” riesce a fermare il programma “Nove Occhi”. Bond dopo un lungo inseguimento cattura Blofeld, potrebbe ucciderlo, ma invece lo consegna ad “M”. Il finale vede l’agente 007 partire insieme a Madeleine, sulla Aston Martin coupè che gli è stata consegnata da “Q”.

Il film che è certamente adatto ad un pubblico adulto, mescola vari ingredienti, restando fedele solo ai personaggi principali delle trame di Fleming, ed è quindi quasi una nuova partenza per 007, ma è sicuramente molto emozionante con i suoi effetti speciali, ed i consueti inseguimenti mozzafiato, e merita pertanto una visione da parte del pubblico.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather